19 settembre 2015

Recensione: "Maleficio" di Rachel Hawkins

recensione I
Salve, lettori!
Stamattina ho concluso la lettura del quarto romanzo della serie Ti aspettavo di J. Lynn - pseudonimo di Jennifer L. Armentrout - e devo dire che mi è piaciuto parecchio. Ha continuato sulla stessa onda dei libri precedenti, molto romance e giusto una spruzzatina di dramma, mostrandoci sul finire chi saranno i protagonisti del prossimo libro (che se non ricordo male è anche l'ultimo). Ma non sono qui per parlarvi di Torna con me.
Teoricamente avrei dovuto are la precedenza ai libri letti settimana scorsa, ma non riesco a buttar giù alcun pensiero a riguardo pur avendoli tutti in testa. Perciò ho deciso di dedicarmi all'unica storia di cui vi voglio parlare, per gli altri dovrete aspettare qualche giorno.



TITOLO: 
Maleficio (Hex Hall, 2)
AUTRICE: Rachel Hawkins
EDITORE: Newton Compton
PREZZO EBOOK: € 4,99
DATA DI PUBBLICAZIONE: 10 Settembre 2015

Sophie Mercer è una ragazza Prodigium. Ma quando con le sue straordinarie capacità ne ha combinata una di troppo, è stata spedita all'Hecate Hall, una scuola speciale dove vengono raddrizzati e puniti ragazzi che hanno esagerato con i loro strani poteri (streghe, mutaforma, maghi, licantropi, fate). Ma questo accadeva prima che Sophie scoprisse gli oscuri segreti che la sua famiglia aveva tenuto nascosti per anni. E soprattutto prima che si innamorasse di Archer Cross, un membro infiltrato dell'Occhio di Dio, organizzazione fondata proprio allo scopo di distruggere i Prodigium. E ora Sophie sa di essere un demone e che in un prossimo futuro potrebbe essere costretta a far del male anche a coloro che ama. Ecco perché, quando il Consiglio dei Prodigium la spedisce in Inghilterra, decide di sottoporsi lì alla Rimozione, una procedura difficile e pericolosa che cancella definitivamente ogni potere magico. A Thorne Abbey, l'imponente e immensa residenza sede del Consiglio dei Prodigium, incontrerà suo padre, il capo del Consiglio, che le rivelerà una storia sconvolgente; ma più sconvolgente ancora sarà la scoperta che qualcuno sta allevando in segreto molti altri demoni per sfruttarne la potenza distruttiva. Sophie si accorge preso di essere nel mirino dell'Occhio, che invia a controllarla proprio Archer Cross. Pensava di averlo ormai dimenticato, ma si accorgerà ben presto di provare ancora qualcosa per lui, specialmente quando Archer finirà in un gran brutto pasticcio...


Recensione:
Per tutti quelli tra di voi che hanno letto Incantesimo, il primo libro della trilogia, sanno perfettamente come finisce e quindi comprendono il mio bisogno di voler saziare la mia curiosità appena ne ho avuto l'occasione. Per tutti gli altri: che diavolo ci fate qui? Vi sconsiglio vivamente di leggere questa recensione se non avete letto il primo libro e intendete farlo perché potreste avere brutte sorprese. E con queste brutte sorprese intendo degli spoiler. Perché è vero che non scenderò nel dettaglio di ciò che avviene in Maleficio, ma è anche vero che non mi tratterrò dal prendere dei fatti che sono accaduti nella prima parte della storia per spiegare delle determinate... cose.
Comunque, tornando a noi e alla recensione, Incantesimo si chiude con un finale cliffhanger. Io personalmente avrei voluto buttare il Kobo fuori dalla finestra quando ho letto l'ultima pagina perché non si può finire un libro in quel modo! Ma per fortuna non l'ho fatto, altrimenti non avrei potuto leggere gli altri libri e questo. Sto andando un po' fuori tema, lo so, ma aspettate.
La storia continua sei mesi dopo che Sophie ha scoperto le sue discendenze, la cara nonnina è morta e Archer è sparito nel nulla. Cosa è successo in questo tempo, vi chiederete voi? Ebbene, niente. A quanto pare la nostra protagonista è riuscita a non creare disguidi giganteschi in questo arco di tempo. Certo, ha comunque combinato qualche guaio ma niente di così eclatante da dover essere riportato in qualche flash-back. E mi pare anche normale che sia finita nei casini... cioè, dai, stiamo parlando di Sophie! La stessa ragazza che all'inizio del libro ha fatto una magia d'amore davanti ad una mortale, è stata additata come strega, e mandata in una scuola per correggere il comportamento di quelli come lei.
Quindi... sono passati sei mesi e Sophie non è cambiata un granché. E' sempre la stessa ragazza solare, combina guai, simpatica, un po' ironica; ma ora conosce le sue capacità, ha qualche scheletro nell'armadio e tante cicatrici sul suo cuore. Non solo il ragazzo per cui pensava di avere una cotta si è riscoperto un doppio giochista, ma la sua migliore amica-nemica è morta per permetterle di salvarsi la vita. Non è mica qualcosa di leggero da digerire. Sophie ha ancora gli incubi e un sentimento di tristezza che la pervade dentro. Motivi per cui l'hanno spinta a prendere la decisione che abbiamo potuto leggere - con nemmeno troppa sorpresa, devo dire.
Il libro si apre durante un'esercitazione sul campo dove Sophie per poco non rischia di annegare. Ma... faremo finalmente la conoscenza di suo padre! Ebbene, sì, il papà di Sophie - nonché capo del consiglio - farà la sua entrata in scena. Lui è stato avvisato di ciò che Sophie intende fare ma non è d'accordo con lei. Non solo perché pratica è talmente invasiva che potrebbe farla morire (nel peggiore dei casi) ma perché non è d'accordo con i motivi che l'hanno spinta a prendere una decisione così assoluta. Per questo motivo la mette davanti ad una scelta. Sophie dovrà passare le vacanze assieme a lui, in Inghilterra, se allo scadere del termine sarà ancora decisa a fare la Rimozione allora lui non si opporrà. La ragazza accetta ad una sola condizione: che con lei venga anche la sua amica/compagna Jenna e, sotto pressioni del consiglio, andranno con loro due anche Cal. Vi ricordate di Cal? Il guaritore dell'Hecate? Ecco, su di lui scopriremo qualcosa di molto... particolare.
Dopo un viaggio oltreoceano finalmente approderanno alla villa dove passeranno le vacanze e qui Sophie farà una scoperta che la farà rimanere raggelata e parecchio sorpresa. A Thorne Abbey, infatti, ci sono due ragazzi demoni. Ma non è tutto. Thorne Abbey nasconde segreti oscuri. E una verità verrà svelata: Sophie è fidanzata.
Tra i Prodigium c'è una pratica molto arcaica con lo scopo di evitare un'estinzione. I bambini, appena nati, vengono uniti in un contratto di fidanzamento che li porterà in età adulta al matrimonio - con conseguente procreazione. Sophie è fin dalla nascita la promessa sposa di Cal. Questa è la parte che mi ha sconvolto di più di tutto il libro, devo dirvelo. Non me lo aspettavo proprio che Sophie potesse essere promessa ad un Prodigium. 
Col passare del tempo non accadrà nulla di molto eclatante. Se non che scopriremo di più su Thorne Abbey, sul rapporto che c'è fra la madre e il padre di Sophie, sui poteri di Sophie e rivedremo Archer Cross. Scopriremo di più sulla sua famiglia e sulle motivazioni che l'hanno spinto a fare gioco di squadra con l'Occhio di Dio, dal suo canto Archer farà luce su alcune faccende che potrebbero mettere in serio pericolo la vita dei Prodigium.
Non vi dirò nulla di più di questo secondo libro perché non voglio in alcun modo scendere troppo nei dettagli. Posso solo dirvi che, come per il primo, anche in Maleficio nulla è quello che sembra e altre cose sono davvero quello che sembrano. La Hawkins, in più, ci farà dare una sbirciatina su ciò che verrà narrato nel terzo romanzo. Ci sono delle particolarità che non sono state prese in considerazione, anche se l'autrice ha lasciato dei minuscoli indizi disseminati per la storia. Che vi posso dire? Le avrà volute lasciare per il gran finale.

_______________________________


Spero che la recensione vi sia piaciuta. Se volete potete lasciarmi il vostro parere in un commento.
Un bacio e alla prossima.
 

Nessun commento:

Posta un commento