3 marzo 2016

Recensione: "Non vorrei però ti amo" di Noelle August

Ciao, lettori! In via teorica questo post avrei dovuto postarlo questa mattina ma ho avuto qualche problemuccio ad alzarmi dal letto e dato che ero mostruosamente in ritardo ho dovuto rimandare. Oggi vi voglio dare il mio parere su un libro che mi è stato gentilmente omaggiato dalla Fabbri Editori che ringrazio per la possibilità.
Non vorrei però ti amo di Noelle August è il primo volume di una trilogia che promette molte risate. Frizzante, ironico, divertente è non solo lo stile dell'autrice ma lo sono anche i vari personaggi che ci sono al suo interno.
Bando alle ciance, ecco a voi ciò che penso di questo romanzo. 



TITOLO: Non vorrei però ti amo (Boomerang, #1)
AUTRICE: Noelle August
EDITORE: 
Fabbri Editori
PREZZO: 
 €  9,90 (ebook) € 15,90 (cartaceo)
IN USCITA IL 11 FEBBRAIO 2016

Quando Mia si sveglia nel letto di un perfetto sconosciuto è ancora annebbiata dall’alcol e non riesce a ricordare nulla della notte appena trascorsa. Ma oltre a ignorare tutto di Ethan, il ragazzo che dorme al suo fianco, e delle ultime ore passate con lui, non sa che il taxi che condivideranno quella mattina li accompagnerà incredibilmente nello stesso luogo: la sede di un sito di incontri, Boomerang, dove entrambi stanno per iniziare uno stage. Dopo la presunta notte di passione, quella che avrebbe potuto trasformarsi in una bella storia d’amore rischia di morire sul nascere: Mia e Ethan, oltre a trovarsi in diretta competizione per attirare le attenzioni dei capi e ottenere l’unico posto di lavoro disponibile alla fine dell’estate, scopriranno a proprie spese che l’azienda ha una politica molto rigorosa e vieta qualsiasi genere di relazione tra i suoi dipendenti. Riusciranno i due ragazzi – affamati di successo ma forse anche desiderosi di innamorarsi davvero – a rimanere concentrati sul loro futuro, oppure la passione li trascinerà sotto quelle lenzuola dove tutto è cominciato?

Recensione:
La storia si apre con Mia che si ritrova nuda in un letto che non è il suo, in un appartamento che non è il suo e accanto ad un uomo che non ricorda chi sia. Direi un risveglio perfetto, giusto? 
Se aggiungiamo il fatto che quel giorno è anche il suo primo giorno di lavoro potrete capire la gravità della situazione. 
Mia ha ricordi molto confusi riguardo a ciò che è successo la notte precedente ed Ethan non può aiutarla a rimettere insieme i tasselli mancanti della sua memoria perché anche lui non ricorda molto. Entrambi hanno l'amnesia da post-sbornia. Però non è il momento di preoccuparsi e di farsi domande questo perché la presenza di entrambi è richiesta altrove
Decidono di dividersi il taxi poiché devono andare nella stessa direzione e mentre i due chiacchierano un po', cercando di conoscersi e cercando di capire se vale la pena rivedersi oppure perdersi di vista, il taxista si diverte un mondo. E sapete perché si diverte? Perché gli indirizzi che i due gli hanno dato corrispondono al medesimo posto e lui sa perfettamente che i due non ne hanno idea

Sia Mia che Ehtan sono piuttosto sorpresi della coincidenza. L'edificio in cui entreranno è un'agenzia di siti d'incontri, il Boomerang. Entrambi i ragazzi hanno fatto domanda per fare uno stage estivo e sono stati presi tutti e due ma il posto disponibile è solo uno. Oltre a questa notizia, arriva un'altra doccia fredda. La politica aziendale vieta le relazioni fra colleghi.
Perciò una relazione amorosa tra i due finisce ancora prima di avere il tempo di iniziare. Pur essendo a conoscenza che un rapporto al di là di quello strettamente lavorativo potrebbe mettere entrambi nei guai e causare il loro licenziamento, l'attrazione e la complicità che li unisce è veramente troppo forte. Entrambi comunque tenteranno magistralmente di ignorarla. Ma ci riusciranno? Riusciranno a reprimere quel sentimento che piano piano si sta facendo spazio fra loro due oppure vi crederanno col rischio di perdere un posto di lavoro?

Non mi dilungo oltre sulla trama ma vi parlerò degli altri aspetti del romanzo. I protagonisti mi sono piaciuti molto e non so esattamente chi fra i due preferisca. 
Mia è una ragazza molto alla mano, con una famiglia che le vuole bene e la supporta sempre e delle amiche meravigliose. Ha un rapporto molto speciale con la nonna che mi ha fatto sciogliere un poco. É una ragazza sveglia, simpatica, divertente e frizzante. Il suo sogno è quello di fare del cinema e, infatti, vorrebbe avere l'opportunità di poter produrre e un cortometraggio sulla vita della nonna. Ethan, dal canto suo, non è il classico protagonista maschile. In primis non è un bad-boy - anzi è pieno di debiti -, in secondo luogo allena una squadra di bambini. E' un bravo ragazzo, non il classico stronzetto. 
La storia, nel generico, è buona ma forse andava sviluppata meglio. Le continue liti, spesso futili, tra i due hanno un po' appesantito la lettura ma l'ironia di cui è pregno il romanzo ha ristabilito un certo equilibrio.
Lo stile della August è, come vi dicevo sopra, ironico e molto scorrevole. Questo è senz'altro un libro molto leggero,  senza molte pretese se non quelle di far divertire e di far battere il cuore. 


_____________________

Cosa ne pensate? Lo avete letto?
A presto!

2 commenti:

  1. Deve essere un libro davvero divertente ahaha magari gli darò una possibilità quest'estate. Trovo che questi siano i perfetti libri da ombrellone e sdraio XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, sì, è proprio quel tipo di libro! Una lettura leggera da leggere mentre si prende il sole.

      Elimina