31 maggio 2016

Recensione: "Una sfida come te" di Katie McGarry


Buona sera! E' da ieri che piove quasi senza sosta e il wi-fi fa un po' i capricci, saltando in continuazione. Volevo pubblicarvi questa recensione nel primo pomeriggio ma non ci sono riuscita. Comunque... 
Sono almeno tre anni che aspetto con trepidante attesa questo romanzo, pronta per immergermi in un'altra favolosa e romantica storia di Katie, quindi immaginatevi un po' la mia espressione quando ho scoperto che sarebbe uscito quest'anno! Ero troppo, troppo felice! 
Ringrazio la De Agostini e Riccardo che sono stati così gentili da inviarmi una copia cartacea:) La custodirò molto gelosamente nella mia libreria e nessuno avrà il permesso di toccarla (sono seria, solo una ristretta cerchia di persone ha il permesso di mettere le mani sui miei libri). 
La storia di Isahiah e Rachel mi è piaciuta proprio tanto, non ai livelli di Oltre i limiti, ma è al secondo posto nella classifica di questa saga. 




TITOLO: Una sfida come te (Pushing the limits, #3)
AUTORE: Katie McGarry
EDITORE:
De Agostini
PREZZO: 
 € 6,99 (ebook) € 14,60 (cartaceo)
DATA DI PUBBLICAZIONE: 26 Aprile 2016



Ottimi voti, stile impeccabile e una carriera di successo: ecco cosa si aspettano tutti da Rachel Young. Specialmente la sua numerosa e assillante famiglia. Ma nessuno sospetta che dietro quella maschera di perfezione si nasconda una ragazza fragile con una lista interminabile di segreti. Segreti inconfessabili come la passione per la velocità e le auto da corsa. O come Isaiah, il bad boy dai penetranti occhi grigi che una notte la aiuta a sfuggire alla polizia. Isaiah rimane subito affascinato dal sorriso dolce e innocente di Rachel, ma l’ultima cosa di cui ha bisogno è rimanere invischiato nei problemi di una ragazza come lei. Quando però una minaccia incombe prepotente sulle loro vite, Isaiah e Rachel sono costretti a collaborare e a partecipare insieme alle corse automobilistiche. Solo così scopriranno quanto in là sono disposti a spingersi per salvare ciò che resta del loro futuro, e del loro cuore. L’acclamata Katie McGarry torna a raccontarci una nuova e appassionante storia d’amore e di riscatto. Con tutta la maestria di cui solo una grande autrice è capace. 


Recensione:
Coloro che hanno letto i precedenti romanzi hanno già avuto modo di conoscere Isaiah, ma non in modo molto approfondito poiché era solo un personaggio secondario. Eppure qualcosa è comunque fuoriuscito, soprattutto da Oltre i limiti e dalla sua amicizia con Noah. Isaiah, diciassette anni, aspetto classico del bad-boy: vari tatuaggi e piercing, sguardo tagliente, comportamento minaccioso ed è in affido. Il mix perfetto per apparire come il classico cattivo ragazzo della porta accanto, eppure lui è molto molto di più. E' un ragazzo di appena diciassette anni che ha imparato presto quanto la vita possa far schifo e quanto un minimo errore possa toglierti tutto quanto, ciò l'ha spinto a crescere fin troppo in fretta e il passare da una famiglia affidataria all'altra non ha reso facile affezionarsi al prossimo. Le eccezioni nella sua vita ci sono state e ne sono la prova Noah, il suo migliore amico/fratello non di sangue/coinquilino e Beth, la sua migliore amica e la prima ragazza che gli ha spezzato il cuore. Dietro la spacconeria però c'è un ragazzo completamente diverso: dolce, premuroso, protettivo e che quando ama, ama fino in fondo e senza remore. 
Dopo la delusione avuta con Beth Isaiah non pensava assolutamente di incontrare un'altra ragazza che gli avrebbe fatto battere il cuore e a prima vista, Rachel Young, non ha affatto le carte in regola per esserlo. Rachel però non è affatto la ragazza che ci si aspetta. Lei non è per nulla ragazza che i suoi genitori, i suoi fratelli maggiori e i compagni di scuola credono che sia. L'aspetto da brava ragazza, i vestiti sfarzosi, le belle scarpe, un comportamento raffinato e gentile, sono solo una maschera. Rachel ama la velocità e le corse, è appassionata di macchine e motori, e vorrebbe soltanto salire sulla sua Mustang e fuggire da tutto quanto la circonda e poter essere finalmente se stessa. Ma il fatto che proviene da una famiglia benestante e il senso di colpa costante che prova verso la sua famiglia, la rendono schiava di una maschera e di una vita che non ha mai sentito sua. Rachel ha una situazione famiglia che definire disastrosa è un'eufenismo. I suoi genitori e i suoi fratelli sono oppressivi e parecchio iperprotettivi, l'hanno rinchiusa in una gabbia dorata e non le permettono di vivere davvero. Tutto ciò è a causa del fardello più grande che pesa sulle sue spalle: lei non è altro che la sostituta di Colleen, la sorella maggiore che è morta di leucemia prima che lei nascesse.
Correre in macchina, sfidare se stessa e i limiti della velocità, la rendono felice e le danno quella spinta in più per stringere i denti e andare avanti. 
Ed è proprio la passione che li accomuna che i due ragazzi si incontreranno. Una gara clandestina farà da sfondo al loro primo approccio, una soffiata alla polizia e un inseguimento in auto per non essere arrestati sarà l'evento scatenante di tutto. Si rifugeranno in un bar assieme e fra botte e risposte inizieranno a sbottonarsi un poco, anche se sempre con le guardie ben alzate e un muro ben solido a proteggere i loro segreti, e sarà evidente l'attrazione che provano l'uno per l'altra. Eppure le sfortune non arrivano mai da sole. A causa della soffiata un pezzo grosso delle corse clandestine ha perso tutte le sue vincite e Rachel sarà colei a cui verrà assodata la colpa. 
Isaiah non può permettere che venga fatto del male alla ragazza e si prende la responsabilità di racimolare i soldi della vincita, ma Rachel dalla sua ha un caratterino che, quando si degna di tirarlo fuori, non è niente male e non lascerà l'arduo compito solo nelle mani del ragazzo. 

"E' questo che sono Rachel. Puoi accettarlo o no.
I tatuaggi non verranno via, i piercing rimarranno dove stanno. Sono quello che sono e niente di più.
Sono leale con pochi eletti, mantengo sempre la parola data e ti proteggerò a costo della vita."


Lavorando fianco a fianco l'attrazione dei due non farà altro che sfociare in qualcosa di molto più profondo e, per una dannatissima volta, non cercheranno troppo di sfuggirgli. Isaiah sa che non dovrebbe farsi coinvolgere troppo, che l'attrazione è un'arma a doppio taglio, che Rachel non è una ragazza di cui innamorarsi tanto quanto non lo era Beth. Se cede di nuovo, si ritroverà nuovamente col cuore spezzato ma questa volta sarà molto peggio. Rachel, d'altra parte, non riesce a capire com'è possibile che Isaiah sia attratto da una come lei - lei che non ha nemmeno idea di come sia davvero. E ha il terrore che i suoi fratelli, la sua famiglia, scoprano di lui e che qual è il loro legame.  
Se accadesse, se la sua famiglia scoprisse la doppia vita della protagonista e chi (e cosa significa) è Isaiah, non le permetterebbero mai più di uscire e sarebbe controllata a vista. Ma i guai non arrivano mai da soli e le sfortune ci vanno a braccetto... 
Che dirvi? Questi due ragazzi avranno un bel conto con il karma da saldare u.u 

"Mi passai le mani sul viso e sentii le ginocchia pronte a cedere. 
Fanculo, ero geloso e non era una buona notizia. 
Desiderarla era una cosa, baciarla una volta in un momento di debolezza era un’altra. 
Ma provare qualcosa per lei? Quello era il genere di stronzate che mi aveva quasi ucciso con Beth."

Mi è piaciuto molto che pur essendo la storia intrecciata su di loro, avessero un loro spazio anche i personaggi secondari. La famiglia e i fratelli di Rachel, Noah e Echo e un'amica di Isaiah (perdonatemi, mi sfugge il nome -.-"). E' stato bellissimo rincontrare i due ragazzi che mi hanno fatto tanto palpitare il cuore nel primo libro e vedere come Noah prendeva in giro Isaiah, mi è anche piaciuto l'incontro fra Noah e Rachel. Un po' meno mi sono piaciuto i famigliari di Rachel, anche se il fratello gemello e quello poco più grande non mi sono dispiaciuti più di tanto. 
Una sfida come te è un romanzo che non affronta tematiche facili poiché sono molto realistiche. I minorenni in affido hanno, nella percentuale dei casi, una vita da schifo e vengono presi in casa solo per i soldi che lo Stato da ai genitori. Avere un punto di vista simile, in una storia prettamente adolescenziali, fa ben comprendere quanto tutto ciò sia disgustoso e completamente inumano. Anche la vita di Rachel, in casi molto più rari, è qualcosa di molto vero. Ci sono un sacco di bambini che vengono concepiti solo per andare in sostituzione di qualcun'altro o qualcos'altro e non è mai bello per loro perché fin dall'infanzia si trovano con le ali tarpate. 
Il libro è raccontato a doppio POV e ciò permettere di avere una visuale a 360° e di poter conoscere a fondo entrambi i protagonisti. Inizialmente la storia ha una narrazione lenta per dar la possibilità di far capire al lettore con quali personaggi avrà a che fare, ma dalla corsa clandestina in avanti il ritmo di narrazione diventa via via più veloce. Pur essendo un libro molto consistente e pur avendo una storia ricca di particolari da delineare, la lettura non appare pesante bensì fluida e scorrevole. 
Un libro che ho stra-adorato e che consiglio vivamente a tutti quanti. LEGGETELO!

"Mentre mi avvicinavo a lui, lisciai una ciocca di capelli e schiacciai le mani sul cappotto, poi sulla gonna. Mi piaceva. Aveva detto che gli piacevo. 
Per la prima volta in vita mia volevo davvero essere bella per qualcuno perché.. be', perché volevo che mi considerasse speciale. 
In jeans logori e t-shirt nera, Isaiah mi ricordava in tutto e per tutto una tigre che si crogiolava al calore dei primi raggi del sole. 
La luce si rifletteva sulle doppie file idi orecchini e la scintilla che gli faceva brillare gli occhi mi fece subito pensare a un intimo segreto.. 
uno di quelli che mi riguardava, e che non includeva i miei vestiti."
 
...............................................


Questa recensione è stata un parto quasi. E' tutto il giorno che la scrivo e la cancello e la riscrivo e così via. Non mi piaceva mai come veniva e non è che ora mi faccia proprio impazzire, ma direi che è arrivato il momento di smetterla di rileggere e pubblicarla così com'è; altrimenti non mi accontenterò mai e voi non la vedrete mai. E' stato parecchio complicato scriverla soprattutto perché non sapevo come dirvi che cosa ho provato leggendo il romanzo, infatti mi sembra troppo... asettica, senza emozioni. Ditemi che cosa ne pensate così mi fate mettere il cuore in pace:)E se lo avete letto ditemi che cosa pensate di questo libro e se avete avuto le mie medesime impressioni!
Leen

1 commento:

  1. Oh, mio Dio, non so neanche scrivere a parole quanto abbia amato questo romanzo *-* (trovi la mia recensione heeere !)
    Rachel è una protagonista forte, l'ambientazione è favolosa e Isaiah... Oh, Isaiah *occhi a cuore*. Non pensavo mi entrasse così tanto nel cuore e invece è diventato il mio personaggio preferito tra quelli della McGarry in men che non si dica!
    Niente da fare, ho amato questo romanzo in tutto e per tutto.
    Rainy

    RispondiElimina