23 settembre 2016

[Leggere Italiano BT] Recensione + Giveaway | "Le cesoie di Busan" di Karen Waves

Ciao lettori! Eccomi con il mio primo post con Leggere Italiano Blogtour (se vi state chiedendo cosa sia, vi rimando qui). 
Oggi recensisco Le cesoie di Busan, il romanzo d'esordio di Karen Waves, primo volume di una trilogia romantica e divertente.  





Le cesoie di Busan (La studentessa e il potatore, #1)
di Karen WavesSelf-publishing
€ 0,99 (ebook) € 9,90 (cartaceo)
Uscito il 16 Maggio 2016
Quando Valentina conosce Won-ho capisce subito tre cose: la prima, che è la persona più antipatica che abbia incontrato in Corea; la seconda, che le sue labbra bellissime non possono cambiare questo fatto; e la terza, che se le chiederà di uscire gli dirà sicuramente di no. Dopotutto, non hanno niente in comune: solo un pessimo carattere, un umorismo tagliente, la profonda insofferenza per tutto ciò che non si possa fare in tuta e la passione che li consuma ogni volta che si incontrano. Ma Won-ho è tanto abile nel convincere Valentina quanto lo è a potare gli alberi di Busan e così, tra picnic al chiaro di lampione e caldi pomeriggi nei frutteti, la loro relazione cresce e l’attrazione si fa sempre più intensa. Anche se la coinquilina di Valentina insiste che si stanno innamorando e che sono fatti l’uno per l’altra, la famiglia di Won-ho si oppone e Valentina si trova di fronte a una scelta difficile. La storia d’amore con Won-ho sopravviverà, o lei e il suo appassionato potatore hanno i baci contati? 


Le cesoie di Busan racconta la storia d'amore fra Valentina, una ragazza italiana trasferitasi per un anno a Busan grazie ad una borsa di studio, e Won-ho, un laureando in letteratura italiana che ha la passione del potatore. A far da sfondo a questa relazione costellata dall'acidità della ragazza e dal romanticismo di lui sarà la Corea. Una Corea come non l'avete mai vista, non solo perché non è esattamente l'ambientazione che una qualunque autrice sceglierebbe per raccontare la sua storia, ma anche perché l'autrice l'ha resa veramente magica. 
I due ragazzi si incontrano un lunedì di primavera. A Valentina piace pranzare ai piedi di una magnolia mentre si rilassa leggendo un romanzo, ma quel lunedì i suoi piani sono destinati a cambiare. C'è un ragazzo che sta potando la pianta e dopo uno scambio di battute impregnate di sarcasmo da entrambi i fronti, la ragazza si ritrova così costretta a finire il suo pranzo nell'angusta mensa, senza il suo libro di Calvino perché a causa di quel dannato potatore lo ha lasciato sulla panchina.  
Won-ho, il nuovo acerrimo nemico di Valentina, è il potatore in questione. E sebbene non si sia comportato nei migliori dei modi con la ragazza, in verità è una persona gentile. Incuriosito dalla ragazza bionda, che crede essere americana, decide di riportarle il libro di persona. Won-ho è desideroso di conoscerla, vuole sapere il suo nome e vorrebbe anche ottenere un appuntamento con lei. Valentina, però, non è della medesima idea e tronca sul nascere qualunque aspettativa del ragazzo. 
Poco tempo dopo i due si rincontrano sulla spiaggia e Won-ho non solo riesce a strapparle il nome e un appuntamento, ma fa scoprire alla ragazza una parte di sé. 
Inizia così la loro storia che fin dall'inizio ha i giorni contati dal ritorno in patria della ragazza. Valentina sa che la Corea non è la sua casa e che presto dovrà far ritorno in Veneto, dalla sua famiglia e alla sua vita, ma ciò non le impedirà di vivere una relazione bruciante di passione e sentimento. Dal canto suo, pur sapendo che la partenza è dietro l'angolo, Won-ho non smetterà mai di sperare in un cambio di rotta. Valentina ovviamente tornerà in Italia, ma con un bagaglio emotivo in più o con qualcuno in più? Questo lo lascerò scoprire a voi. 

Valentina e Won-ho sono due personaggio che ho apprezzato veramente tanto. Entrambi amano la famiglia, ma non la propria, entrambi hanno un carattere forte e un umorismo pungente ed entrambi sono delle persone molto passionali. Eppure le somiglianze finiscono qui. Perché dove Valentina è acida per proteggere il suo cuore, Won-ho è dolce e sensibile. E lo è con tutti, nessuno escluso. 
La loro relazione è fortemente fisica, ma non è solo sesso. Dai pensieri di Valentina si evince che la ragazza si è innamorata del bel potatore e dai comportamenti del suddetto si comprende che lui la ricambia. Purtroppo però c'è la componente culturale a dividerli. E questo lo capiamo grazie a Yae-Rim, la coinquilina e amica di Ballentina (i coreani non riescono a pronunciare i nomi italiani), che non manca mai di dire la sua. Ho adorato anche lei. Yae-Rim è una la classica brava ragazza coreana, legata agli usi e ai costumi della sua tradizione. Nata e cresciuta a Seul, poi trasferitasi a Busan, conosce Valentina perché le si presenta per divenire sua compagna di appartamento. E fin da subito si nota che c'è del feeling fra le due. Lei è elegante, simpatica, affettuosa e pungente. Ogni volta che può prende il giro la sua amica, ma è dai suoi consigli e dai suoi modi di rivolgersi che si comprende quanto affetto provi. Un altro personaggio è oppa, il fidanzato perfetto di Yae-Rim, di cui però si sente parlare solo nei dialoghi fra le due ragazze. 
Un'altra cosa che ho adorato di questo romanzo è lo stile di Karen: fresco, allegro, divertente, pungente. Un romanzo d'esordio che consiglio a chiunque!


Ho ripetuto passionale tantissime volte, lo so, ma non riesco davvero a trovare un altro aggettivo. Se qualcuno mi chiedesse di spiegare questo libro in una sola parola, io direi proprio questa. E' passione allo stato puro. La relazione fra i due è passionale. I due sono passionali. Tutto è troppo passionale. Capite? 
Una cosa a proposito di Won-ho! Ho letto da qualche parte che Karen ha deciso di rendere un gran figo Won-ho per far capire alle ragazze occidentali che i coreani possono anche essere un gran bel vedere e ci è riuscita in pieno. Voglio un Won-ho tutto mio! 


Che i ragazzi coreani potessero essere dei gran bei pezzi di manzi bellezza lo sapevo già. Una mia amica è fissata con la Corea, il coreano, i coreani e la loro musica. Abbiamo avute delle lunghissime conversazione - lei parlava, io ascoltavo - a proposito di ciò e solo dopo aver iniziato Le cesoie di Busan ho scoperto quanto mi avesse istruita al riguardo. E' anche riuscita a farmi vedere un film in coreano, per farvi capire. E ve ne dirò un'altra! Assomiglia a Valentina (ora Amica mi ammazza, lo so)! 

Voglio fare le mie congratulazioni a chi ha fatto le cover della saga perché sono stupende! E grazie anche a Karen per avermi fatto imparare qualche parolina di coreano e per aver inserito il surf (*occhi a cuore*) nella serie. Ti ho amata, sappilo! 

.................................................................

Volete leggere il romanzo di Karen Waves? Se la risposta è sì, non perdetevi il giveaway qui sotto! Il palio c'è una copia digitale del libro:) 





L'autrice ha pubblicato altri due romanzi

Bad girl, una novella con alcuni capitolo POV Won-ho
Il titolista di Bassano, il secondo volume della trilogia


.................................................................

Cosa ne pensate di questo romanzo? Lo avete già letto o siete intenzionati a farlo?
Fatemi sapere, 
Leen 

2 commenti:

  1. Di solito libri del genere non attirano la mia attenzione più di tanto, certo trovo le trame carine ma difficilmente mi viene voglia di leggerli; Le cesoie di Busan però mi incuriosisce tantissimo: sarà che ormai tutti ne parlano e lo elogiano e quindi vorrei capire come mai ha conquistato praticamente tutti, sarà l’ambientazione insolita (almeno per me), sarà che Valentina e Won-ho mi sembrano due personaggi molto interessante...l’unica cosa certa è che lo voglio leggere, assolutamente.
    Bella recensione comunque :D

    RispondiElimina
  2. Questo libro mi incuriosisce tantissimo! Più lo vedo in giro e più mi ispira, ed ora, dopo questa tua recensione, sono ancora più curiosa!

    RispondiElimina