17 novembre 2016

Release Day | "Un bacio sotto le stelle" di Melissa Landers



Ciao lettori! Quest'oggi esce Un bacio sotto le stelle, il secondo volume della trilogia Alienated di Melissa Landers. Per l'occasione io ed altre tre blogger abbiamo deciso di regalarvi un Release Day con argomenti che spero susciteranno la vostra curiosità! Esso è suddiviso in quattro tappe, pubblicate in diversi momenti della giornata. La mia tappa comprende le ambientazioni del secondo volume - perché del primo non sono così affascinanti - e una sorpresina sulla storia di Leria:) 

Detto ciò, vi lascio alle informazioni sul romanzo e ci risentiamo più sotto. 




Un bacio sotto le stelle (Alienated, #2)
di Melissa Landers

Newton Compton
€ 4,99 (ebook) € 9,90 (cartaceo)
In uscita oggi, 17 Novembre 2016


Cara sa che la sua permanenza sul pianeta L’eihr è momentanea, eppure si sente sola nella nuova scuola, circondata da alieni ostili. Nemmeno la colonia, nella quale si cerca di fondere le due culture le sembra rassicurante. Lei e Aelyx, un giorno, potrebbero vivere insieme lì, ma sono così poche le libertà elementari garantite, che Cara comincia a dubitare di poter essere felice su quel pianeta, anche con il fidanzato al suo fianco. Intanto Aelyx è sulla Terra e sta cercando di rinsaldare l’alleanza tra i due pianeti. Gli esseri umani non sanno che la loro stessa sopravvivenza dipende da quell’alleanza: solo i simili di Aelyx possiedono infatti la tecnologia per risolvere la contaminazione globale delle acque che i vari governi stanno nascondendo. Eppure gli umani sembrano non rendersene conto…

 ...............................................


L'Ehir viene descritto come un pianeta molto diverso rispetto alla Terra.
Il globo è di colore grigio-azzurro, ricoperto da un immenso oceano sul quale spiccano alcune parti di color marroncino. Attorno ad esso gravitano tre lune, la terza è la più piccola e si vede raramente. L'atmosfera è molto densa ed i suoi gas condizionano il colore del cielo, rendendolo tendente al grigio. Grazie alle loro tecnologie avanzate i Leriani sono in grado di cambiare manualmente il clima del pianeta, sebbene non lo facciano molto spesso poiché ciò potrebbe ugualmente creare problemi. 
 


Il territorio di l'Ehir è differente, in base al luogo in cui ti trovi e la fotosintesi sul pianeta alieno non esiste; gli alberi traggono la vita dall'aria. A nord vi sono montagne di color beige, ricoperte di maestose foreste dalle foglie argentee molto grandi. Un albero tipico del nord è il liar, le sue foglie profumano l'aria di un dolce odore d'agrumi. A sud, invece, vi sono alberi e arbusti con radici poco profonde, che assorbono i nutrienti tramite le squame della corteccia.  
Gli insediamenti urbani del pianeta ricordano vagamente quelli delle antiche città mediorientali. Lo stile architettonico è molto modesto e più incentrato sulla praticità, che sull'estetica. Nel cuore della città si trova in campidoglio e tutto intorno vi sono edifici, appartamenti, negozi e dormitori.
L'Elgida, il dormitorio principale, ha una forma molto squadrata e si affaccia su un cortile e su alcuni edifici più piccoli. Le vie si intersecano e portano ad un boschetto, in cui i Leriani si allenano nell'attività fisica. 

A differenza dell'America, su l'Ehir non vi è la democrazia bensì una Guida, ossia un governo formato da dieci Anziani. Tutto ciò che dicono è legge e nessuno ne è esente. Le punizioni vengono prese molto sul serio e ci sono pene diverse a seconda dei crimini. I crimini minori vengono puniti tramite l'Iphal. Questa arma è una sorta di frusta elettrice che, per l'appunto, ti fa provare un sordo dolore tramite l'elettricità. Per i crimini maggiori, in passato, era prevista anche la pena di morte. 
Gli umani, grazie allo scambio culturale, possono ottenere lo Shovah, ossia la cittadinanza leriana, che è un rito di passaggio che tutti i leriani devono compiere appena ricevono l'approvazione della Guida. Esso prevede di giurare sulla Madre Santa e il simbolo per unificare il legamento è farsi imbrattare di un specifico tipo di fango, che assomiglia molto alla nostra argilla, il proprio corpo nudo. Per i Leriani il corpo nudo non è simbolo di sessualità o altro. 

Esistono due storie su come sono nati i Leriani. La prima, quella promossa dalla maggior parte del popolo, è la storia della Madre Santa. All'alba dei tempi essa si divise in sei pezzi uguali, dando vita a sei divinità di Leria. I suoi "figli" crearono la terra, gli oceani, gli animali e gli esseri che avrebbero popolato il mondo. E poiché la Madre Santa aveva sacrificato il proprio spirito e il proprio corpo per dar loro la vita, in cambio i cittadini avrebbero dovuto consacrate la propria vita a Leria e al progresso del pianeta. 
L'altra storia su come i Leriani si sono insediati a Leria è molto diversa e coinvolge gli umani. Infatti, si pensa che i primi esseri di Leria fossero degli umani. Questo mito è molto meno popolare non solo perché è meno affascinante, ma anche perché i Leriani pensano di essere molto superiori al genere umano e di non averci nulla in comune. 


...............................................

Ed eccovi alla fine della mia tappa. Spero di essere riuscita ad appassionarvi un po' ai Leriani, dei gran pezzi di bei alieni.
Fatemi sapere cosa ne pensate della tappa, del romanzo o della storia in generale. Tra tre ore vi aspetta uno speciale recap del primo libro sul blog di Vanessa, I libri sono un antidoto alla tristezza. Però non dimenticatevi di fare un salto anche da Samantha e Nora.
A presto, 
Leen

Nessun commento:

Posta un commento