2 marzo 2017

Recensione | "Lontano da te" di Jennifer L. Armentrout

Buongiorno, lettori! 
Oggi esce il secondo volume della Wicked saga (qui l'anteprima) e per l'occasione, non potendovi parlare in anteprima di questo volume, ho deciso di lasciarvi la mia recensione (che pensavo di aver già pubblicato!) di Lontano da te! 



Lontano da te (Wicked Saga, #1)
di Jennifer L. Armentrout
Nord
€ 5,99 (ebook) € 14,90 (cartaceo)
Uscito il 28 maggio 2015

Ivy Morgan è una sopravvissuta. Rimasta orfana a diciotto anni, ha imparato in fretta cosa significa doversela cavare da sola e, adesso, non permette agli altri di avvicinarsi a lei, di entrare nella sua vita. Anche perché non vuole rischiare che le facciano troppe domande su come trascorre il suo tempo. Nessuno infatti deve sapere che i genitori erano affiliati a un antichissimo Ordine segreto e che, con la loro morte, è toccato a lei ereditare la loro missione…
Ren Owens è l'ultima persona al mondo per cui Ivy dovrebbe provare interesse; è impulsivo, imprevedibile, ed è troppo arrogante perfino per essere un membro dell'Élite, la sezione dell'Ordine cui vengono affidate le operazioni più rischiose. Eppure è come se Ren l’avesse stregata. Quando guarda i suoi profondi occhi verdi, Ivy sente di volere un destino diverso da quello cui è condannata: sente di volere… lui. E, per la prima volta, ha l'impressione di potersi davvero fidare. Almeno finché non intuisce che Ren le nasconde qualcosa, un segreto che potrebbe distruggere tutto ciò per cui lei ha lottato…


Ivy Morgan - protagonista e voce narrante - è una giovane ragazza che fa parte dell'Ordine, un'organizzazione segreta che combatte i fae e protegge il genere umano da essi. Grazie ad un incantesimo che si applica alla nascita, ogni membro dell'Ordine ha la capacità di vedere oltre l'aspetto di chiunque - ossia può riconoscere le fate dai comuni umani. Le fate che l'Ordine combatte sono le vere fate dei folclore: le creature bellissime, letali e perfide che soggiogano le persone al proprio volere, le consumano interiormente e le riducono a semplici corpi vuoti. 
Per Ivy, l'organizzazione non è solo una missione ma è anche la sua famiglia; in particolar modo da quando ha perso tutti i suoi cari a causa di una fata. Rimasta sola al mondo, Ivy ha imparato a cavarsela da sola e a tenere lontano chiunque. Le sole eccezioni sono i membri dell'Ordine e Campanellino.
A far vacillare le sue convinzioni ci penserà Ren, un membro di un altro Ordine - uno più speciale - che si è trasferito a New Orleans per una missione importante. Fin dal primo momento, l'attrazione è esplosiva - sebbene entrambi, più Ivy di Ren, si sopportino ben poco. 
Costretti a lavorare fianco a fianco, i due ragazzi si renderanno presto conto che hanno molto più cose in comune di quanto pensavano e che il rapporto che hanno creato si sta evolvendo in qualcosa di più. 
Ben presto, però, Ivy scoprirà che Ren sta tacendo qualcosa di veramente importante e quando scoprirà cosa le ha nascosto, la ragazza non saprà più se potrà o meno fidarsi di lui. 

Ancora una volta, la Armentrout ha colpito nel segno con i personaggi. Ivy è una ragazza che pur avendo perso ogni cosa e tutte le persone che amava, non ha perso la sua grinta e la sua determinazione. Terrorizzata all'idea di dover dire addio a qualcun altro, ha barricato il suo cuore dietro a spessi muri e non lascia entrare nessuno. 
Ren è il classico ragazzo "Made in Armentrout": bellissimo, sexy, coraggioso, determinato e bellissimo sfacciato. Tutto ciò da cui Ivy - e ogni altra donna sulla faccia della Terra - dovrebbe stare lontana. 
Menzione d'onore a Campanellino. Un adorabile folletto con una passione sfegatata per Harry Potter e gli acquisti su Amazon, vive assieme ad Ivy fin da quando la ragazza lo ha salvato ed è l'eccezione alla regola - essendo un essere fatato, Ivy avrebbe dovuto ucciderlo - e nessuno sa della sua esistenza. 
Anche sull'ambientazione la Armentrout ha colpito nel segno. New Orleans è una bellissima città in cui ambientare una storia di genere fantasy. Con la sua storia ricca di folclore e i negozi di magia, è una meta turistica eccezionale per le stranezze e per tutti gli appassionati del genere. 
Ora arriviamo alla parte dolente. Chi ha visto il mio voto su Goodreads sa bene che questo libro non si è preso le cinque stelle piene e probabilmente, conoscendo il mio amore per l'autrice e le sue opere, si è anche chiesto il perché.
I vari colpi di scena sono tutti quanti intuibili, tanto che il finale a me non ha lasciato per niente sconvolta! Avevo già capito dove Jenny volesse andare a parare e quindi non mi ha sorpreso. 
Le parti di azione sono soprattutto negli ultimi capitoli, per il resto la storia è completamente - o quasi - incentrata sull'evoluzione dei personaggi e sui vari tasselli che ti porteranno inevitabilmente al finale. 
Tuttavia, questo primo volume è un romanzo introduttivo. Esso spiega la storia, il passato dei due protagonisti e ciò che è successo alle fate e ciò che potrebbe accadere se le cose vanno in una determinata maniera. Quindi, pur non reputandolo un romanzo eccezionale, la delusione non ha fatto molto male e mi sento di consigliare il libro. 
La storia non sarà appunto eccezionale, ma vale la pena leggerla. 

................................................

Avete già letto il libro in questione? Se sì, la pensate come la sottoscritta oppure il vostro parere è diverso?
Fatemi sapere, 
a presto!  


2 commenti:

  1. Bello bello bello io l'ho adorato non vedo l'ora di trovare il tempo e leggere Ritorno da te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so che quando lo finirò, vorrò subito leggere il continuo e sono dolori. La Armentrout non lo ha ancora concluso e io voglio già sapere tutto ç_ç

      Elimina