19 aprile 2017

Release Party | "The Glittering Court" di Richelle Mead



Ciao lettori, 
Edizioni LSWR riporta in Italia Richelle Mead, autrice della meravigliosa saga Vampire Academy, con una nuovissima trilogia: The Glittering Court! Ogni volume è incentrato su una storia a sé che ha come filo conduttore la Corte Scintillante e le protagoniste principali che conosceremo già in questo primo romanzo. Per il libro è stata creata un'apposita pagina Instagram (qui).  
Tra l'altro, l'autrice sarà presente in diretta dall'America all'incontro Per destino, per amore. Benvenuti alla Glittering Court a Tempo di Libri domenica 23 Aprile alle 17.30 (Sala Optima, Pad. 4).


The Glittering Court (The Glittering Court, #1)
di Richelle Mead
Edizioni LSWR
€ 9,99 (ebook) € 16,90 (cartaceo)
AmazonGoodreads
In uscita oggi, 19 aprile 2017
Per un gruppo selezionato di ragazze la Corte Scintillante (The Glittering Court) rappresenta l’opportunità di conquistare una vita che finora potevano solo sognare, una vita fatta di lusso, glamour e ozio. Per l’aristocratica Adelaide, costretta dalla sua famiglia nobile, ma ormai decaduta, a un matrimonio d’interesse, la Corte Scintillante rappresenta qualcos’altro: l’occasione di pianificare il proprio destino e di avventurarsi in una nuova terra ricca e incontaminata al di là dell’oceano.

Dopo un incontro fortuito con l’affascinante Cedric Thorn, Adelaide si spaccia per una cameriera. Tutto comincia a sgretolarsi quando Cedric scopre lo stratagemma di Adelaide e questa viene notata da un giovane governatore molto potente, che vuole sposarla. La fanciulla non si è lasciata alle spalle la gabbia dorata della sua vecchia vita solo per diventare di proprietà di qualcun altro. Ma a essere davvero sconvolgente – o meravigliosa – è la fortissima attrazione proibita tra Adelaide e Cedric, che, se assecondata, li renderebbe due emarginati in un mondo selvaggio, pericoloso e inesplorato, e forse ne causerebbe perfino la morte. 
Prima di iniziare questa recensione voglio rendervi partecipi della mia delusione - se così si può chiamare. Ho iniziato questo libro con l'aspettativa di trovarvi all'interno del fantasy, così come è riportato nei generi di Goodreads, ma non ce ne è la minima traccia. L'idea che dà è fuorviante e ti fa solamente avere un certo tipo di aspettative da esso. 

Ambientato in un mondo creato dall'autrice, che fonda però le sue basi sul nostro, The Glittering Court è la storia di Elisabeth Witmore, contessa di Rothford, a cui di eredità è rimasto solo il proprio titolo. Per sfuggire ad un matrimonio combinato che le tarperebbe non solo le ali ma la costringerebbe anche a trascorrere una vita che non vuole, decide di prendere il posto della sua dama di compagnia e entrare a far parte della Corte Scintillante. La Corte Scintillante è un'organizzazione che si occupa di istruire ragazze di umili natali, permettendo loro di avere una vita di lussi e nobiltà, trasformandole in perfette mogli per i coloni di Adoria, una nazione che è pronta per divenire il Nuovo Mondo (SENZA TANTI GIRI DI PAROLE: L'AMERICA).

Elizabeth cambierà non solo nome, trasformandosi in Adelaide, ma inizierà anche a comportarsi come una qualunque ragazza del popolo, imparando da capo tutti gli insegnamenti avuti durante il corso della sua esistenza. Il futuro che si prospetta per Adelaide non è tanto diverso da quello che avrebbe avuto come Elizabeth, ma almeno può scegliere chi sposare e avere una propria libertà.


Il piano aveva cominciato a prendere forma in un angolino della mia mente fin da quando Ada aveva firmato il contratto piagnucolando. Mi si presentava l’opportunità di superare in astuzia la “disgrazia” che incombeva su di me. 
E, come aveva consigliato mio padre, dovevo agire in fretta. Mentre sempre più dettagli mi divenivano chiari, la mia eccitazione cresceva, e dovevo frenarmi per non urlarla ai quattro venti.

Il solo a conoscere la vera identità di Adelaide è Cedric Thorn, il figlio del capo della Glittering Court e colui che l'ha "scovata". Inizialmente restio a giocare secondo le regole della contessa, si lascerà convincere a continuare il teatrino appena capirà quanto esattamente valga per lei quella seconda occasione. 

Fra i due inizierà ad instaurarsi un rapporto fondato sulla reciproca fiducia, su un'attrazione proibita e irresistibile. Se già prima una loro possibile relazione era fuori discussione, ora che Adelaide è legata alla Corte Scintillante da un contratto, le possibilità rasentano lo zero. Tuttavia, non si può comunque fare a meno di tifare per loro! 

Nel corso della storia Adelaide si confermerà essere una protagonista coraggiosa, caparbia, divertente e intraprendente. Non si lascerà abbattere dalla paura e dallo sconforto di non riuscire a passare per una popolana, non si lamenterà di sporcarsi le mani e difenderà le persone in difficoltà. Essendo cresciuta con le regole della nobiltà e imparando tutto ciò che c'è da sapere su di essa, sulle buone maniere e sulla vita che una moglie deve condurre, Adelaide è un passo avanti alle altre. Tuttavia, non può in alcun modo far capire loro che lei sa già come destreggiarsi in queste arti e quindi dovrà farsi passare per una serva di una dama. Un'impresa non facile, soprattutto considerando che Adelaide non è capace di cucire, cucinare, rassettare e fare tutto il resto. E' stato uno spasso leggere le parti in cui Adelaide cercava di apparire una persona comune, soprattutto quando si è messa a lavare i piatti con la candeggina per togliere le macchie! 

Nel corso della sua permanenza alla Corte farà amicizia con due ragazze, le stesse con cui è arrivata. Loro sono Tamslin, una ragazza molto ambiziosa che sa già che cosa vuole dal suo futuro. Vuole scalare la classifica e diventare il Diamante della Corte Scintillante, avendo così modo di sposare l'uomo più ricco del Nuovo Mondo e passare il resto della sua vita a fare la moglie e la dama di corte. Pur apprendo all'inizio come una ragazza odiosa e pronta a tutto per vincere, si scoprirà essere una persona molto empatica, affatto cattiva e che tiene tantissimo ai suoi famigliari. Poi c'è Mira, una simiricana scappata dal suo paese durante la guerra e approdata ad Osfrid per avere una vita migliore. Avendo perso ogni cosa della sua vita, Mira non si lascia mai scoraggiare da nulla, soprattutto non dalle malelingue e dalle altre ragazze della Corte. Non si sa molto su di lei poiché sono tanti i segreti che la riguardano, tuttavia si scopriranno tutti quanti nel prossimo volume! 

Vi dirò, le mie aspettative per questo libro erano veramente altissime e sono state buttate già una ad una! Sarà perché adoro la Mead e tutta la sua saga - compresa di spin-off - sull'Accademia dei Vampiri o sarà perché pensavo di trovarmi davanti ad un fantasy, ma la delusione brucia veramente tantissimo. 
La storia non mi è dispiaciuta, sebbene non sia delle più originali, tuttavia la narrazione è estremamente lenta e fino alla metà del libro non accade praticamente nulla! Sono stata sul punto di abbandonare più di una volta, ma non me la sentivo proprio di farlo e quindi ho concluso la lettura. 
Ciò che mi è piaciuto di più di questa storia sono senz'altro le descrizioni e l'ambientazione del libro! La Mead, in questo, ci ha azzeccato. I periodi che l'autrice ha ripreso e mescolato sono molti e tutti quanti accaduti realmente: la scoperta e conquista dell'America, la contrapposizione fra Vecchio e Nuovo Mondo, la corsa all'oro, i pirati e il contrabbando. Tutti aspetti che sono stati curati molto, forse anche troppo rispetto al resto della storia. 
Di buono c'è che ogni libro è auto conclusivo e quindi la storia di ogni personaggio verrà conclusa nell'arco del romanzo e il finale non lascerà con l'amaro in bocca; un'altra cosa positiva è che se la storia di Adelaide non mi ha fatto impazzire, questo libro ha per lo meno lasciato la curiosità di scoprire che cosa accadrà nel secondo e quali sono le verità che vertono intorno a Mira! Io qualche idea me la sono già fatta e spero davvero di non sbagliarmi! 




...................................................

Cosa ne pensate di questo romanzo? La trama vi attira? 
Fatemi sapere, 
Leen

Nessun commento:

Posta un commento