6 ottobre 2017

Anteprima | "All the Crooked Saints" di Maggie Stiefvater

Ciao lettori, 
è un piacere per me darvi questa notizia perché Maggie è una delle mie autrici preferite nel panorama fantasy YA. 
All the Crooked Saints è un fantasy YA auto-conclusivo, ambientato negli anni '60 in Colorado e segue le vicende della famiglia Soria.


All the Crooked Saints
di Maggie Stiefvater
Scholastic Press
€ 9,22 (ebook) € 19,10 (cartaceo)
In uscita il 10 ottobre 2017

C’è una cosa che tutti vogliono:
un miracolo.
C’è una cosa che tutti temono:
ciò che serve per ottenerne uno.

Qualsiasi visitatore di Bicho Raro, Colorado, probabilmente si imbatterà un paesaggio di santi oscuri, amori proibiti, sogni scientifici, gufi meravigliosamente pazzi, affetti estranei, uno o due orfani, e un cielo colmo di stelle vigilanti del deserto.
Nel cuore di questo luogo si troverà la famiglia Soria, i cui i membri hanno la capacità di far avvenire miracoli insoliti. E al centro di questa famiglia ci sono tre cugini che desiderano cambiare il proprio futuro: Beatriz, una ragazza senza sentimenti, che vuole solo essere libera di studiare la sua mente; Daniel, il Santo di Bicho Raro, che fa miracoli per tutti tranne che per se stesso; e Joaquin, che trascorre le sue notti in una stazione radiofonica rinnegata sotto il nome di Diablo Diablo.
Tutti sono alla ricerca di un miracolo. Tuttavia, i miracoli di Bicho Raro non sono mai come ce li si aspetta. 

ESTRATTO

COLORADO, 1962

È possibile sentire un miracolo lunga la strada, dopo il tramonto.
In questo mondo, i miracoli sono molto simili alle onde radio. Non sono molte le persone che comprendono quanto abbiano in comune l’ordinaria onda radio e il miracolo più straordinario. 
Lasciate a se stesse, le onde radio non sarebbero udibili per molto più di quaranta o cinquanta miglia. Viaggiano su percorsi perfettamente lineari con la loro trasmissione, e poiché la Terra è rotonda, non richiede molto tempo prima che lascino il suolo per dirigersi verso le stelle. Non lo faremmo tutti, se ne avessimo la possibilità? 
Che peccato che sia i miracoli che le onde radio siano invisibili, perché sarebbero uno spettacolo: nastri di meraviglia e suoni che si estendono per tutto il mondo. 
Ma non tutte le onde radio e i miracoli sfuggono all’inascoltato. Alcune rimbalzano sul soffitto dell’ionosfera, dove gli elettroni sono liberi di oscillare in una gioiosa armonia con loro prima di spingerli verso la Terra in angoli nuovi. 
In questo modo il segnale può saltare da Rosarito o Nogales, battere sull’ionosfera, e trovarsi a Houston o Denver più veloce che mai. E se il broadcast venisse trasmesso dopo il tramonto? 
Molte cose in questa vita funzionano meglio senza l’attenzione del sole, e questo processo è una di quelle. 
Durante la notte, le onde radio e i miracoli possono saltare su e giù cosi tante volte, più che in alcuni casi imprevedibili, infine raggiungono trasmettitori e santi a migliaia di chilometri di distanza dalle loro fonti. In questo modo un piccolo miracolo nel minuscolo Bicho Raro può essere ascoltato fino a Philadelphia, o viceversa. Questa è scienza? Religione? 
È difficile sia per gli scienziati che per i santi spiegare la differenza tra i due. 
Forse non importa. 
Quando si coltivano semi invisibili, non ci si può aspettare che tutti concordino sulla forma delle colture invisibili. È più saggio riconoscere semplicemente che crescono bene insieme. 
Questa storia inizia di notte, quando sia un santo che uno scienziato, ascoltavano miracoli. 

..................................................................

Cosa ne pensate di questo libro? L'estratto che vi ho lasciato vi ha incuriosito abbastanza da spingervi a comprare il libro? O lo avevano già fatto cover e trama? 
Fatemi sapere, 
A presto, 
Leen 

2 commenti:

  1. Il problema dei libri della Stiefvater, secondo me, è che dalla trama non dicono molto e di sicuro tanti li snobbano. Io tipo snobbavo Raven boys perché dalla trama mi sembrava un YA qualsiasi e invece me ne sono innamorata.
    Questo appunto dalla trama non mi dice molto, ma sono sicura che sarà un bel libro!

    RispondiElimina
  2. Il problema della Stiefvater è che tutti la snobbano pensando che scriva i classici YA, quando invece ogni suo libro è bellissimo e diverso. E sì, c'entra tanto anche la trama che non dice mai niente.

    RispondiElimina