22 gennaio 2018

Anteprime | "Nei miei occhi il tuo cielo" di Danielle Younge-Ullman e "Lost & Found" di Brigit Young

Ciao lettori e buon inizio settimana! 
Oggi vi parlo di due romanzi molto interessanti che usciranno nei prossimi giorni. So già da ora che mi piaceranno e quindi, molto probabilmente, saranno delle mie prossime letture. 
Nei miei occhi il tuo cielo è un young adult molto, molto particolare. Tratta una storia di crescita personale e dell'amore che c'è fra una madre e una figlia. 
Lost & Found è invece un middle-grade dolce e struggente. Racconta la storia di Tillie, una ragazzina che grazie alla sua passione di fotografare tutto ciò che vede si è guadagnata il titolo di “detective della scuola”. Verrà incaricata da un suo compagno per trovare il padre scomparso e grazie a questa avventura, Tillie scoprirà molto su se stessa e su ciò che è in grado di fare. 


Nei miei occhi il tuo cielo 
di Danielle Younge-Ullman
Piemme
€ 17,00 (cartaceo)
Amazon | Goodreads
In uscita domani, 23 gennaio 2018
Ingrid ha trascorso l'infanzia viaggiando in Europa al seguito della mamma, una promettente cantante lirica. Ma quando il sipario cala sulla carriera materna, Ingrid si ritrova di colpo incastrata in una modesta, soffocante quotidianità, sempre sull'orlo del collasso economico ed emotivo. Un giorno, Ingrid scopre che la musica, che aveva sempre considerato solo il contrappunto alla vita di sua madre, è vitale anche per lei. Per poter perseguire i propri sogni, Ingrid dovrà dimostrare di essere abbastanza forte da reggere la pressione e per farlo dovrà trascorrere tre settimane in un campo estivo ai limiti della sopravvivenza, fisica e mentale.


Lost & Found 
di Brigit Young
Feltrinelli 
€ 8,99 (ebook) € 14,00 (cartaceo)
In uscita il 25 gennaio 2018
In seguito a un incidente d’auto avvenuto quand’era bambina, Tilly zoppica e ha forti dolori se si affatica troppo, mentre il padre, alla guida al momento dell’incidente, non ha mai superato il senso di colpa e vive nell’angoscia. Tilly è timidissima, a scuola non ha amici, ed è appassionata di fotografia: ha tre apparecchi fotografici con i quali immortala tutto, senza posa, in una sorta di fissazione maniacale per l’analisi dell’ambiente scolastico. In questo trova la sua rivincita sociale, diventando l’investigatore della scuola: analizzando migliaia di immagini alla settimana, riesce a ritrovare tutto quello che si è perso, guadagnandosi il soprannome di Lost and found. Quando un suo compagno piuttosto carino le chiede di ritrovare nientemeno che il padre scomparso, comincia per Tilly un’avventura che la farà avvicinare per la prima volta a un coetaneo, ma la metterà anche di fronte a un dilemma etico: fino a che punto ci si può intromettere nella vita degli altri in nome della ricerca della verità? Se gli occhi sono sempre dietro l’obiettivo fotografico non si rischia di non vedere il confine tra privacy e libertà di espressione?
 ..........................................................................

Cosa ne pensate? 
Fatemi sapere, 
Leen 

2 commenti:

  1. Mi ispirano entrambi i libri, che finiscono dritti dritti nella mia wishlist!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono veramente due titoli molto interessanti!

      Elimina